Skip to main content

Nel mondo della sanità, affrontare sfide complesse e ancora poco comprese è una missione ardua, ma per PopMED, l’approccio alla complessità è diventato un punto di forza. Vi raccontiamo in breve il progetto recentemente concluso nel delicato ambito clinico del mixed pain, un tipo di dolore ancora poco definito e riconosciuto tra le diverse figure mediche.

La sfida iniziale

L’avventura è iniziata con una richiesta impegnativa da parte di un’agenzia provider ECM: identificare i contenuti del progetto stesso, di cui avevamo il tema generale e i possibili unmet need (i bisogni insoddisfatti in quell’area terapeutica), organizzare e condurre una fase di “train the trainer” per coordinatori locali che doveva coinvolgere 26 tavole rotonde sul territorio nazionale, elaborare una survey estesa a tutti i partecipanti, analizzare i risultati e realizzare il programma per l’evento conclusivo. Un progetto che prevedeva uno svolgimento nell’arco di 11 mesi. Una sfida complessa che richiedeva un approccio strategico e competenze specifiche.

La risposta di PopMED: un partner affidabile e competente

PopMED non solo ha accettato la sfida, ma ha dimostrato di essere un partner affidabile e competente grazie alla sua preparazione in ambito di project management e la capacità di relazionarsi con il cliente Pharma e con i KOL, e i clinici in generale. Fin dalle prime riunioni del Board di progetto, siamo riuscite a gestire richieste e necessità in modo efficiente, organizzando tutte le fasi del progetto.

Le modalità di riunione adottate da PopMED sono state creative e coinvolgenti, creando un ambiente collaborativo e innovativo, in grado di generare idee fresche e costruttive. La capacità di comprendere le esigenze e le prospettive del cliente ma anche di ciascun membro del team di lavoro ha contribuito in modo significativo alla costruzione di relazioni solide e alla creazione di un ambiente di lavoro positivo.

Inoltre, il costante supporto offerto da PopMED in tutte le fasi del progetto ha giocato un ruolo cruciale nel mantenere elevati standard di qualità, dal punto di vista scientifico e organizzativo, e nell’assicurare che ogni aspetto del progetto fosse gestito con attenzione e precisione.

In sintesi, la risposta di PopMED non si è limitata a un’adesione al progetto, ma ha rappresentato un impegno totale a essere un partner preparato, con competenze tecniche ma anche gestionali e relazionali, assicurando un supporto costante per tutta la durata del progetto.

L’Importanza della Comunicazione e dell’Analisi dei Dati

Un elemento chiave del successo è stata l’adozione di un sistema user-friendly per la raccolta delle opinioni. Con oltre 350 medici partecipanti al progetto, PopMED è riuscita a condurre una prima analisi quantitativa i cui risultati sono stati la guida per l’individuazione degli interventi nell’evento conclusivo del progetto. Lo stesso sistema di raccolta delle opinioni è stato poi utilizzato per l’evento finale rendendo gli interventi interattivi e coinvolgenti, con grande soddisfazione del cliente, del board, dei relatori e dei partecipanti.

Ottimo Riscontro e Prospettive Future

L’evento finale ha ottenuto un riscontro di partecipazione straordinario, mettendo in luce nuove necessità di approfondimento formativo e clinico. Inoltre, ha gettato le basi per progetti futuri, con la possibilità di pubblicare i risultati ottenuti da questa pionieristica iniziativa.

In conclusione, questo caso studio non è solo un esempio di successo in un progetto complesso, ma anche un modello per come affrontare l’ignoto con intelligenza, competenza e un approccio collaborativo.